martedì 26 gennaio 2010

I bei giorni di San’Agata

Lontani e dolci ricordi in poesia

di Dario Lusa



Siamo ormai in prossimità della festa di Filo, l’antica festa di Sant’Agata patrona del paese e ci onora con la sua presenza Dario Lusa, un amico, un filese che ama profondamente il suo paese, un talentuoso musicista capace di far vibrare il sax come pochi, ma che qui ascoltiamo in veste di ispirato poeta, in versi dialettali che toccano le corde, ahimè, sempre sensibilissime, dei cari e dolci ricordi.

Sono i ricordi, le immagini ormai lontane di chi, oggi, con oltre mezzo secolo di vita sulle spalle, ama tornare con la mente al mondo e all’ambiente rurale della propria infanzia, immagini da cui spuntano visi e protagonisti di allora, e tutto un mondo che i nostri giovani non hanno mai conosciuto, spazzato via forse troppo in fretta dalle tante trasformazioni e cambiamenti di vita che l’industrializzazione, prima, e un consumismo sfrenato, poi, hanno via via richiesto.

Stili di vita, usanze, tradizioni ed abitudini che avevano resistito secoli ne sono stati, in men che non si dica, sconvolti e travolti e, fra le cose buttate nel cestino, possiamo ben mettere anche la nostra bella festa di Sant’Agata, un tempo aspettata con ansia da tutti, vecchi, giovani e bambini, un cardine del nostro calendario, oggi uscita completamente dal cuore della gente.

Se si passa un po’ distrattamente per Filo il 5 di febbraio, non ci si accorge neppure della festa. Una sola bancarella, imperterrita, si installa di mattina o nel piazzale della chiesa o nella piazzetta antistante il Monumento ai Caduti e rimane lì un paio d’ore, fino all’uscita dei fedeli dalla chiesa e poi chiude sconsolatamente baracca e burattini.

Sulla festa di Sant’Agata di un tempo ho già raccontato un paio d’anni fa in questo blog (articolo in data 5 febbraio 2008 dal titolo "Sant'Agata che malinconia..." ), ma Dario, che nel 1960 aveva appena 4 anni, oggi ce la fa rivivere in poesia. Attraverso i suoi ricordi, possiamo rivedere forse, dentro di noi, quei momenti di felicità assoluta che abbiamo provato nell’età più bella, momenti che vivono ancora nel nostro modo di essere e che non potremo mai dimenticare (a.v.).



Sant’ Êgta, 1960


L’éra bëla la fësta ad Sant’Êgta,

La fësta de’ mi paéš.

Cla strê lêrga cun l’asfêlt frès-c,

Cun tọti cal bancarèl ad quà e dlà,

Cun teñta žént ch la spasigéva stida a fësta

E cun adös l’udór dla naftalina.


Int l’aria u j éra un prufọm ad zọcar caramlê

Ad cruchèñt apena fàt.

Quènt žugh in cal bancarèl,

Nuétar babẹñ a tirimi int la stanëla dla mama,

Chi ch’e’ vléva la rivultëla,

Chi e’ s-ciöp, chi e’ palòñ.

Una babina la zighéva e la pistéva i pì

Adninz a una bambuzina biönda cun j ọc’ celẹst.


Quènt parint e amìg ch’u s’incuntréva,

Quenti böt int la spala cun e’ sòlit cumplimèñt:

«T’cì sèmpar te! T’a n dvìnt mai vëc’…»


L’éra bël quènd ch’u s fašéva l’óra dla mesa,

E’ campanér e’ tiréva int al côrd

E’ fašéva sunê al campèñ,

La ciša piàñ piàñ la s’impinéva,

Cun tenta žént ènch in pì,

E par che dè u s laséva a cà la fêlza e martël…

L’éra bëla la mèsa sunêda,

Ža alóra u m piašéva che vëc òrgan a pedêl.


A mèsa finida, tọt a cà,

L’éra meždè pasê e l’arivéva i parìnt.

La têvla tiradóra l’ardupiéva i pọst

La lëgna int e’ fùg la ciuchéva,

Al faléstar rösi al scapéva in élta, sò pr e’ camẹñ

L’aždóra la s ciaméva a têvla,

Com ch’i fuméva chi caplẹt int e’ piat…


Quènt tẹmp ch’l’è pasê!

Parchè avegna pérs sta fësta acsẹ bëla?


Sant’ Agata, 1960


Era bella la festa di Sant’Agata,

La festa del mio paese.

Quella strada larga con l’asfalto fresco,

Con tutte quelle bancarelle ai due lati,

Con tanta gente che passeggiava vestita a festa

E con addosso l’odor di naftalina.


Nell’aria un profumo di zucchero caramellato

Di croccante appena fatto.

Quanti giochi in quelle bancarelle,

Noi bambini tiravamo alla sottana della mamma,

Chi voleva la rivoltella,

Chi il fucile, chi il pallone.

Una bambina piangeva e pestava i piedi

Davanti a una bambolina bionda dagli occhi celesti.


Quanti parenti e amici s’incontravano,

Quante pacche sulla spalla col solito complimento:

«Sei sempre tu! Non diventi mai vecchio ...»


Era bello quando arrivava l’ora della messa,

Il campanaro tirava nelle corde

Faceva suonare le campane,

La chiesa pian piano si riempiva,

Con tanta gente persino in piedi,

Quel giorno si lasciavano a casa falce e martello … Era bella la messa cantata e suonata,

Già allora mi piaceva quel vecchio organo a pedale.


A messa finita, tutti a casa,

Era mezzogiorno passato e arrivavano i parenti.

La tavola allungabile raddoppiava i posti

La legna sul fuoco scoppiettava,

Le faville rosse salivano verso l’alto del camino

La massaia ci chiamava a tavola,

Come fumavano quei cappelletti nel piatto …


Quanto tempo è passato!

Perché abbiamo perso questa festa così bella?


1 commento:

marco ha detto...

Perche ci hanno venduto l'illusione di poterla avere tutti i giorni.