giovedì 3 gennaio 2008

Nadêl l’è un segn (e’ métar de’ Signór)


L’amico, e brillante poeta, Angelo d’Zizaron d’Masira mi ha fatto avere questa bella poesia dedicata ai significati più profondi del Natale appena trascorso e quindi non ancora «fuori stagione». E’ un sonetto in cui la genuinità delle espressioni dialettali sembrano dare ancora più tono e profondità alle riflessioni che toccano gli eccessi «materialistici» della società moderna. E’ un onore poter ospitare questa interessante composizione nella nostra giovane irôla virtuale, dove sarà certamente apprezzata dagli attenti lettori (Agide Vandini).




Nadêl l’è un segn (e’ métar de’ Signór)

Natale è un segno (il metro del Signore)


di Angelo Minguzzi




Pr avnir a e’ mond a vut ch u-n putes fê

avnì la bëglia in ca o andêr a e’ bsdêl,

mo l’à vlu dês un segn che par spieghêl

u-n basta tot e’ temp dl’ eternitê.


Tulen un êtar segn: la libartê

‘d dlèzar cvel ch’ut pasa e’ capitêl

l’è fêlsa, e la t’ardus un animêl,

mo Lo u t’à dê la tësta par pinsê


che i n’è int e’ paneton i segn d’Nadêl

e ch’l’à una spiegazion parsena e’ mêl

se te t’druv la su schêla di valur.


L’à un métar tot speciêl par tu agli amsur

furtóna che u j è Lo a fê l’azdór

ch’e’ s-ciusa l’intarës mânch ch’n’è l’Amór.

Per venire al mondo, vuoi che non avesse potuto far

venire la balia in casa, o andare all’ospedale,

ma ha voluto darci un segno che per spiegarlo

non basta il tempo dell’eternità.


Prendiamo un altro segno: la libertà

di scegliere ciò che ti somministra il capitale

è falsa, e ti riduce alla stregua di un animale,

ma Lui ti ha dato la testa per capire


che non è il panettone il segno del Natale

e che ha una spiegazione persino il male

se usi la sua scala di valori.


Ha un metro tutto speciale per prendere le misure

per fortuna che c’è lui a fare il Reggitore

e che considera l’interesse meno dell’Amore.

Nessun commento: