lunedì 31 dicembre 2012

Arriva il 2013...


In una splendida poesia dialettale, uno «speciale» augurio di Buon Anno ai Filesi
«Pane e olio» di Orazio Pezzi


 2013
di Orazio Pezzi

L’è l’añ ch’l’ariva la furtóna
Toti al grëzi agli avnirà da e’ Zil
E srà d’aiut nẽca la Lóna
Tot e’ mònd e’ ‘scurarà ‘d Fìl...

Un ènžul biònd e žintìl
Da stra al nùval e’ calarà:
«L’è ora ch’a fašiva e’ campanil
San Pìr in parsóna ul banadirà...»

Ecco tot e’ paeš u s’inluminarà
Una scösa la farà tarmè tot i cur
Tot i srà amig e i s’abrazarà.
Da séra a matena, u n sarà piò bur.

A i’élbar u n cascarà piò al foj
Al dòñ al parturirà senza avé al doj
U n’i sarà piò bšògn gnẹca de’ dutór
E’ campanil l’à tolt ogni dulór...

U’i sarà di tévul lòng al strè
Pì ad röba bóna da magnê
Un’urchestra int la piaza la sunarà
E tot quent insen us balarà.

On e’ ziga «Miracul...», on «E’ mi Signór,
È’l un schérz, o un quel seri?»
Quicadòñ l’à esprès un dišideri
E San Pìr u n’à fat una quis-ciòñ d’unór.

Una vóš da e’ Zìl la cminzarà a dì:
«Da que, tenti vôlt a sö pasè,
Int i dulùr, al šgrëzi, j inzident,
Int l’aligreia, la cuntinteza, i divertiment.
Avi fat cónt ad gnit, a n m’avì gnẽca guardê...
Mo avi fãt e’ campanil, e a sö pröpi cuntent
L’éra óra che a stašesi un pô a sintì...

Alóra a pos dìv ch’l’è propi véra:
A farò, ad Fil, un Paradiš sóra la tëra.




2013
di Orazio Pezzi

E’ l’anno in cui arriva la fortuna
Tutte le Grazie giungeranno dal Cielo
E sarà d’aiuto anche la Luna
Tutto il mondo parlerà di Filo...

Un angelo biondo e gentile
Calerà dalle nuvole:
«E’ ora che rifacciate il campanile
San Pietro in persona lo benedirà...»

Ecco tutto il  paese s’illuminerà
Una scossa farà tremare tutti i cuori
Tutti saranno amici e si abbracceranno.
Da sera a mattina, non farà più buio.

Agli alberi non cadranno più le foglie
Le donne partoriranno senza aver le doglie
Non ci sarà neppure più bisogno del dottore.
Il campanile avrà tolto ogni dolore...

Ci saranno dei tavoli lungo le strade
Pieni di prelibatezze da mangiare
Un’orchestra suonerà in piazza
E tutti assieme si ballerà.

Uno grida «Miracolo...», un altro «Mio Signore,
È’ un scherzo, oppure una cosa seria?»
Qualcuno ha espresso un desiderio
E San Pietro ne ha fatto una questione d’onore.


Una voce dal Cielo comincerà a dire:
«Da qui, tanti volte son passato,
Nei dolori, nelle disgrazie, negli incidenti,
Nell’allegria, la contentezza, i divertimenti.
Avete fatto finta di nulla, non m’avete neppur guardato
Ma avete rifatto il campanile, e sono davvero contento
Era ora che cercaste un po’ di ascoltare...

Allora posso dirvi che è proprio vero:
Farò, di Filo, un Paradiso sulla terra.


 


Sopra: Fine anni ’20. La cinquecentesca chiesa di Sant’Agata con lo svettante campanile, abbattuti nel 1930.

A fianco: L’attuale chiesa edificata nel 1931 senza campanile (mai più ricostruito).

Nessun commento: