venerdì 15 febbraio 2008

Una bella zirudëla scritta per noi..

L’amico e «poeta contadino», Angelo d’Zizaron d’Masira che già si è presentato qualche settimana fa in quest’Irôla con la pregevole poesia Nadêl l’è un segn, ha voluto dedicare una bella composizione in rima baciata al nostro blog. E’ una bella rievocazione del tempo che fu ed allo stesso tempo un ideale e larghissimo abbraccio ai tanti paesi della Romagna, in particolare a quelli della bassa, che hanno in comune antichissime tradizioni ed una cultura popolare, imperniata sul dialetto, oggi ancora ben presente nel sentimento e nell’orgoglio della nostra gente. E’ un onore che Angelo ha voluto riservarci, una considerazione che ci lusinga e che, ne sono certo, farà davvero piacere a nostri attenti lettori (Agide Vandini).


E’ BLÖGH D’NADÊL (o, se si vuole, L’IRÔLA VIRTUÊLA)

di Angelo Minguzzi (d’Zizaron d’Masira)


Pr e’ mi amigh d’dla da Pö vëc

ilustrèsum piò d’un spëc

a j ò fat sta zirudëla

se l’è bròta la-n srà bëla,


screta in prisia in Rumagnôl

ch’ u-s druvéva par al fôl

ch’a-l s’cuntéva drì a l’irôla,

e nench cvesta l’è una fôla,


int al cà di’ cuntaden

ch’i-s truvéva grend e znen

(senza la television)

e i-s paséva al sér d’invéran

senza bsögn d’scòrar de’ gvéran


che i-s n’à fat za du maron ...

Cvësti agli éra al tradizion

ch’al s’è pérsi za da un töch,

tu la tradizion de’ zöch


ch’i-l dlizéva par brusêl

int la nöt de’ dè d’Nadêl.

E, stasend a cvel ch’i dis,

in ben tent di nost pajis:


a Masira, E’ Bunzlen,

int E’ Scâmbi e a Sâsaven,

Bëlrizët, Sâbernarden,

Bzon e La Vĕla d'Sâmarten,


Abades, Cunsëls, Vultana,

E’ Prê Longh e La Barsana,

Masa, Ros, Castëlbulgnés,

Sâ Patrezi e clêt pajés,


Ciribëla, Mindariôl,

Brisighëla, Fenza, Riôl,

Casanigh e Garnarôl,

Rocaziz, Campian, Slarôl,


E’ Fiunaz e L’Asension,

Pas de Gat, E’ Palazon,

Sanpancrezi, La Cuclì,

Sâtantöni e Sâpulì,


La Ca da Lugh, Bagnéra,

La Pidzizê e Gambléra,

Agli ‘Lfulsen, Lavzôla,

Agli Amunìd, Cudgnôla,


Sâlurenz, Lugh e parsena

a Furlè, Iòmla e Ravena,

Gratacöpa, La Brusê

Cunvintël e La Fraschê,


Vĕlafranca, Zagunéra

Vĕlanôva, Travarséra

a Santêgta, Flis, Barbian,

a Santérna, E’ Gód, Pëzpan,


La Ruseta, I Pré, Majan,

Sâtalbért, Savêrna, E’ Mzan,

a La Zvëca, E’ Taj, Murdan

e d'incóra piò luntan...


in zo insena int i cunfen

cun la zöna de’ Frarés

sena a ‘Nita, Lungastren,

Band, Arzenta, Fil, Sâbiés.


A dìj tot com a-s faral

e a-m sö smengh Bagnacaval

e’ pajéš dla Camarlóna,

cvì dal Glôri ch’i-m pardóna.


Donca a dgimja ... e’ fat dla fôla

tòt intóran a l’irôla....

una vôlta u i éra e’ zöch,

cuntintens adës de’ blögh…

Per il mio amico al di là di Po vecchio

illustrissimo più di uno specchio

ho fatto questa zirudëla

che se è brutta non sarà bella


scritta in fretta in Romagnolo

che usato un tempo per le favole

che si raccontavano attorno all’arola

ed anche questa è qiasi una leggenda


nelle case dei contadini

vi si ritrovavano grandi e piccini

(senza la televisione)

e vi trascorrevano le sere d’inverno

senza bisogni di parlare del governo


che ce ne han già fatto una … spanciata…

Queste erano le tradizioni

che si son perse già da un po’

valga per tutte la tradizione del ciocco


che veniva scelto per essere bruciato

nella notte del giorno di Natale

e, stando a quanto si dice,

in moltissimi nostri paesi


a Masiera, al Boncellino

a Scambio e a San Savino,

a Belricetto, San Bernardino,

Bizzuno e a Villa San Martino,


Abbadesse, Conselice, Voltana,

Il Prato Lungo e Le Bresciane,

Massa, Russi, Castelbolognese,

San Patrizio e l’altro paese,


Ciribella, Mandriole,

Brisighella, Faenza, Riolo,

Cassanigo e Granarolo,

Roncalceci, Campiano, Solarolo,


Il Fiumazzo e l’Ascensione,

Passogatto, Il Palazzone,

San Pancrazio, Coccolia,

San Antonio, San Potito,


Ca’ di Lugo, Bagnara,

La Pieve di Cesato e Gambellara,

Le Alfonsine, Lavezzola,

Le Ammonite, Cotignola,


San Lorenzo, Lugo e persino

a Forlì, Imola e Ravenna,

Grattacoppa, S.Maria in Fabriago,

Conventello e La Frascata,


Villafranca, Zagonara,

Villanova, Traversara,

Sant’Agata, Felisio, Barbiano,

Santerno, Godo, Piangipane,


Rossetta, (Villa) Prati, Maiano,

S.Alberto, Savarna, Mezzano,

alla Giovecca, Taglio (Corelli), Mordano

ed ancora più lontano


giù fino ai confini

con la terra del Ferrarese

fino ad Anita, Longastrino,

Bando, Argenta, Filo, San Biagio.


A dirli tutti è quasi impossibile

e infatti ho dimenticato Bagnacavallo,

il paese di Camerlona,

quelli di Glorie che mi perdoneranno.


Dunque, dicevamo… la storia della fola

tutti intorno all’arola

una volta c’era il ciocco,

ed ora accontentiamoci del blog…

Nessun commento: