domenica 17 maggio 2009

Non sempre i miracoli vengono a fagiolo…

Una composizione dialettale di Orazio Pezzi


Non sempre i miracoli avvengono al momento giusto, verrebbe da pensare leggendo queste gustose rime di Orazio Pezzi…

La figura peraltro de’ frê zarcanton (frate cercatore), con le sue ingenuità e le tante umane tentazioni, ispira da secoli poeti e scrittori, menestrelli e stornellatori. Basterebbe citare letterati illustri come il Manzoni e il suo Fra’ Galdino, oppure attori leggendari come il grande Totò e il suo “Monaco di Monza”, per sottolineare come il personaggio e le sue caricature, siano state e siano tuttora di grande popolarità.

Orazio Pezzi, rifacendosi a questa figura, torna alle creazioni dialettali e lo fa col suo stile delicato, con una storia gustosa e divertente in rima baciata, come si conviene del resto alla tradizione emiliano-romagnola della zirudëla, una composizione che un tempo rallegrava, con le sue allusioni satireggianti, convivi e trebbi serali e che, va da sè, non può che essere accolta con entusiasmo in questa virtuale “Irôla de’ fugh” (agide vandini).


Nell’immagine a fianco Macario e Totò in una scena de’ “Il Monaco di Monza”



La virtò miraculoša

di Orazio Pezzi


U j éra una vôlta un pòvar frê

Ch’l’avéva póch e gnit da magnê

Alóra us mitè in žir a zarchê.

Camena, camena, par parec dè,

Strach môrt, cun i pi gonfi e insanguné,

Int la riva d’un fös u s’afarmè.

Senza adèsan tot a un trat u s’indurmintè.


Una žóvna sgnóra ch’la fašéva la bughê

Tŏta parmuróša e senza fê armór la s’avšinè.

«Oh, pureta me, guêrda coma ch’l’è cunzê…

S’ avlì avnì a ca mi, a stëgh a lè,

Cla ca’ bienca cun e’ quérc culór cafè,

Parò a stëgh tŏta sóla da par me

E vo am parì un öm unest e timurê…»


Sé, u j éra tŏt quel che on e’ putéva imažinê:

Una tëvla imbandida che gnench a Nadêl t’la pu truvê,

Ad cióra pu, bon om, u j è un lët par ripušê…


Döp a soquanti ór, stéš int l’érba us distè

Cun la penza pina e sazi coma un re.

U n’è pusèbil un fat de’ gènar, a j ò sól sugnê…

Us gvardè intóran, mo’ ungn éra inson da ringraziê…

«Azidŏli e’ mi Signór stavôlta avì esagerê…»


Alóra una vóš da l’élta tŏt intòran la trunè:

«E’ mi frê zarcanton t’cì tent bon, mo un pô zuchen,

Cun tŏt ch’at l’ò mĕsa daventi, t’an n’é prufitê.

Se tot i fŏs coma te, j arĕb e’ Paradis asicurê,

Mo’ te, t’a n’é pérs la tësta e t’an m’é las êtar da fê

Che fêt un miràcul, par la tu granda unestê…»



La virtù miracolosa

di Orazio Pezzi


C’era una volta un povero frate

Che aveva poco e nulla da mangiare

Sicché si mise in giro a cercare.

Cammina, cammina, per molti giorni,

Stanco morto, coi piedi gonfi e sanguinanti,

Lungo la riva d’un fosso si fermò.

Senza accorgersene tutt’ad un tratto s’addormentò.


Una giovane signora che faceva il bucato

Premurosamente e senza far rumore s’avvicinò.

«Oh, povera me, guarda com’è conciato…

Se volete venite a casa mia, abito lì,

Quella casa bianca col tetto color caffè,

Però abito tutta sola

E voi mi sembrate uomo onesto e timorato…»


Sì, c’era tutto quel che ci si poteva immaginare:

Una tavola imbandita che non si vede neppure a Natale,

Di sopra, poi, buon uomo, c’è un letto per riposare…


Dopo alcune ore, disteso sull’erba, però, si risvegliò

Con la pancia piena e sazio come un re.

Non è possibile una cosa del genere, ho sognato…

Si guardò attorno, ma non c’era nessuno da ringraziare…

«Cribbio, oh mio Signore, stavolta avete esagerato…»


Allora una voce dall’alto tuonò tutt’intorno:

«Frate cercatore sei tanto buono, ma un po’ zuccone,

Pur mettendotela davanti non ne hai approfittato.

Fossero tutti come te, avrebbero il Paradiso assicurato,

Ma tu, non hai perso la testa e io non ho potuto far altro

Che un miracolo, di fronte alla tua grande onestà…»


Nessun commento: