domenica 1 gennaio 2017

Nel giorno del vecchio Johnny

Vecchi amici del Biliardo al Bar Centrale
di Agide Vandini

E’ già il quinto Capodanno senza Giovannino Tarozzi detto Johnny e’ Maröc e non si può non ricordarlo in questo che era il suo giorno principe, il giorno in cui aveva tutta l’attenzione degli amici, per il suo tradizionale bagno fuori stagione nelle acque di Porto Garibaldi.
Ci si ritrovava ogni anno a Filo io, Diana, Loris, Benny e Falco, in sostanza gli amici della chiacchierata al bar la domenica mattina, e insieme si scendeva verso il litorale comacchiese; lì Johnny veniva attorniato da una rumorosa ed allegra compagnia di amici e giornalisti, ultimamente un po’ preoccupati per lui, ma vogliosi di stargli vicino, di farsi coinvolgere ancora una volta dalla sua risata franca, dai suoi slanci avventurosi, da quella innata gaiezza che facevano di lui un  personaggio unico ed inimitabile.
Quel po’ di chiasso in riva al mare, il ritorno a passo lento di Johnny dalle acque gelide ci manca davvero tanto, così come quel fumo e profumo di salsiccia che ci offriva Edda, sua premurosa compagna, fra due fette di pane, magari rimediate all’ultimo secondo proprio dallo stesso Giovannino presso un amico ristoratore del litorale, uno dei tanti che aveva seminati per il mondo e che non gli avrebbe mai negato nulla.
Nel suo giorno e per ricordarlo degnamente ho pensato di pubblicare alcune vecchie foto (Aprile 1980) che lo ritraggono con gli amici in gara, al biliardo, nel vecchio Bar Centrale (ora Bar Giada); lo rivediamo perciò assieme ai compagni di sempre e nel luogo per lui più naturale di ritrovo.
Alcuni, tanti di quegli amici e compagni oggi non ci sono più, gli anni sono passati, ahimè, impietosi, ma queste immagini ci ridanno per un attimo il gusto e il piacere della loro compagnia, di tempi e momenti di gioia che quei sorrisi ancora ci trasmettono, provocandoci un tuffo al cuore.
Sono certo che a Johnny piacerebbe riguardarle assieme a noi queste foto, e infarcirle di aneddoti, di imprese uniche e irripetibili, so che ne descriverebbe a meraviglia fatti, circostanze e personaggi, e che ci trascinerebbe poco a poco, ancora una volta, in quel mondo di sogni eroici ove ci ha sempre saputo accompagnare con la sua radiosa allegria.
Ciao vecchio Johnny e grazie ancora per i tanti bei momenti che ci hai regalato.

Cianì e la moglie Edda dietro al bancone

Max e e’ Baròñ. Assistono: Gianni Galamini e Minacci
Macafèr, Max, Mazalôca e Picchi


Mazalöca, Giuani, Cianì, Johnny, Cöca e Picchi


5 commenti:

aderitto geminiani ha detto...

Ciao Agide, sono bei ricordi ed è bene farne tesoro. Fanno parte dei bei tempi andati,ed a una certa età tengono anche compagnia.Ti ringrazio e ti auguro un sereno 2017 a te e alla tua famiglia .
Pippi

Domenico Mongardi ha detto...

Bello il ricordo di un amico di giovrntu' scomparso con il quale si sono condivisi tanti momenti di vita in compagnia ed allegria.

Domenico Mongardi ha detto...

Bello il ricordo di un amico di giovrntu' scomparso con il quale si sono condivisi tanti momenti di vita in compagnia ed allegria.

Benny ha detto...

Un ricordo è un frammento della nostra vita, un qualcosa del nostro vissuto che ci è rimasto particolarmente impresso nella mente. A volte i ricordi, occupano la mente anche contro la nostra volontà, ma sono sempre lì che si ripresentano periodicamente prepotenti tra i nostri pensieri e che ci legano indissolubilmente a momenti più o meno felici della nostra vita, ad attimi passati e vissuti intensamente, a persone conosciute, fatti o sensazioni che inconsciamente vogliamo portare per sempre con noi. Il 1° Gennaio la mente ed il ricordo inevitabilmente va a quell’avventuroso bagno fuori stagione, che Giovannino ormai da anni era solito fare nelle fredde acque di Porto Garibaldi, sempre però circondato dall’ intenso calore di amici e sostenitori. Quel ricordo, in mè è ancora talmente vivo e caldo, che mi basta chiudere gli occhi per vederlo e toccarlo, sentire il profumo del mare e dell’acre odore "d’la carbunéla" sotto la graticola mentre cuoceva la salciccia. Mi sembrava giusto ricordare pubblicamente un caro amico che ci ha preceduto e Agide ti ringrazio pure per le splendide foto del mitico Bar Centrale, palestra di vita per noi giovani di un tempo, nell’occasione mi permetto pure una citazione “Il bar non porta ricordi, ma i ricordi portano inevitabilmente al bar (Vinicio Capossela)”.

Filese ha detto...

Ricevo e pubblico a beneficio dei lettori:

Mi ha fatto molto piacere rivedere alcuni momenti attorno al biliardo (Mitiche le sfide tra Ibanez Bellettini e Max Barabani ). Aggiungo che Johnny era lo sponsor della squadra a quel tempo. Se guardi le maglie di Uber (Mazalòca) e Biavati (Còca) si vede il logo MUSICLAND (che era il negozio di Giovannino).
Ciao.

Gianni Galamini