sabato 23 aprile 2011

Un cuore che batte in dialetto ...

Due nuove composizioni «Pane e olio»

di Orazio Pezzi


Ho avuto alla spicciolata queste due belle poesie dialettali composte dal mio carissimo amico Orazio Pezzi. Passano gli anni, cambia così profondamente tutto ciò che ci circonda, eppure Orazio, che lasciò il paese in gioventù, sente ancora molto forte il legame con le origini, con un mondo che, seppure impantanato nelle spire diaboliche di una fraintesa modernità, evoca in chi è nato in queste campagne negli anni Quaranta lontani momenti di gioia, persone care che sono e saranno sempre nel più profondo del cuore.

Le belle composizioni poetiche di Ëzi che di tanto in tanto pubblico sul blog sono state da lui felicemente chiamate “Pane e olio”; già questa definizione basterebbe a delinearne ispirazione e contenuti. Ultimamente compone parecchio in dialetto, nella lingua madre della nostra generazione, ossia l’idioma, i suoni, gli accenti della scoperta del mondo circostante che, proprio per questo, rispecchiano ogni nostro più intimo ricordo o sentimento profondo.

Nella prima delle due poesie La sumara ad Pezzi, Orazio ci cala nel mondo incantato del trebbo, dei racconti e dei narratori orali. Torna quasi in punta di piedi attorno all’irôla di casa sua, nella casa contadina filese che da tempo immemorabile fa capo alle grandi famiglie Pezzi e Montanari, un mondo che oggi ci appare quasi fiabesco, tanto è stato purtroppo soppiantato e sepolto dal tempo impietoso.

E’ una notte speciale, di voci magiche, è la notte dell’Epifania che noi chiamiamo Pascvèta e si sa che la nöt dla Pascvèta, e’ scọr e’ ciù e la zvèta... (la notte dell’Epifania, parla il gufo e la civetta...)

Le seconda poesia, ahimè, è dedicata al sottoscritto. Giunta inattesa, mi ha davvero commosso e toccato l’anima; prima di pubblicarla ho voluto gustarmela per un po’ in privato. E’ molto bella, gentile, delicata. Si vede che è scritta da un amico vero e sincero. E’ un quadretto scherzoso ed ironico che, tutto sommato, mi raffigura migliore di quanto io sono nella realtà, ma che dice tanto in termini di antica stima ed affetto, di sentimenti d’amicizia intramontabile di cui Ëzi sa di essere, da sempre, molto ben ricambiato.

Grazie davvero per la dedica, Orazio, e per i bei versi dialettali che, ne sono certo, faranno tornare indietro nel tempo e, soprattutto faranno sorridere più di un filese, e non solo ... (Agide Vandini).


***


A casa Pezzi c’era una mitica Asina chiamata “Bimba” alla quale, come si suol dire, mancava solo la parola. Io però ho sempre creduto che lo zio Nino (Padre di Attilio) la capisse perfettamente, tanto andavano d’accordo. Allo Zio ed alla Bimba è dedicata questa poesia.



La sumara ad Pezzi


Una séra d’invéran intórn a l’irôla

a sintèsum d j armur avnì da d fura

Nino e’ dès: «Cus ël ‘na fôla?

U n pióv nè e’ tira fôrt la bura,

l’è mej par tot ch’a vega a vdé…»


Quènd ch’e’ turnè l’éra ad culór viôla.

«Dis mo cus ch’l’è zuzèst par caritê…»

«Oh, a la sumara u j è vnù la parôla,

avnì cun mẹ se a n’u m cardì,

a v purt a e’ su stalèt

e ‘d sicùr a v pọs garantì

che la scọr ènch in dialèt...»


Andèsum tọt ad córsa int e’ curtil:

“Oh, i mi sgnur, bónaséra,

quènti stẹl ch’u j è int e’ zil...”

Porca vaca, l’è pröpi véra,

armastèsum ad sas e parcusé

e’ mond intìr u s’éra ‘rvarsê ...


E lì cun chelma aventi a dì:

“A n putéva piò stê zẹta,

mẹl e mẹl èn ad sta malèta,

che i sumër i n’à gnit da capì,

i mì bël inteligentọn

fra d vó u ngn’è pùc di bọn

mo incóra a n’un vargugnì?

Gvardì e’ mònd cum ch’l’è finì

cun tọta la vöstra prišunziòñ.

U l capẹs nẽca un babì

Che un sumàr ènc imbalzê

E’ farẹb mej che i vost sienzé...”


A turnesum in ca zẹt zẹt, e bọn,

in ṣdé ae’ chêld intóran a l’irôla.

éral véra, o magari un’inluṣiòñ?

Nino, cóntas un’êtra fôla ...



L’asina dei Pezzi


Una sera d’inverno attorno al focolare

Sentimmo alcuni rumori venire dall’esterno

Nino disse: «Che cos’è, una favola?

Non piove e non soffia la tramontana,

È meglio per noi tutti che vada a vedere …»


Quando tornò era di colore viola.

«Dicci un po’ cos’è successo, per carità …»

«Oh, all’asina è venuta la favella,

venite con me se non mi credete,

vi porto al suo stalletto

e di certo posso garantirvi

che parla anche in dialetto ...»


Andammo tutti, di corsa, nel cortile:

“Oh, i miei signori, buona sera,

quante stelle che ci sono in cielo ...”

Accidenti, è proprio vero,

restammo di sasso e tramortiti

il mondo intero s’era ribaltato ...


E lei con calma continuava a dire:

“Non ne potevo più di tacere,

migliaia d’anni di questa manfrina,

che i somari non debbano capire nulla,

cari i miei intelligentoni

fra voi ce ne sono pochi di quelli buoni

ma ancora non vi vergognate?

Guardate il mondo com’è finito

con tutta la vostra presunzione.

Lo capisce anche un bambino

Che un somaro, sia pure sciocco,

Farebbe assai più dei vostri scienziati...”


Tornammo in casa zitti zitti, e buoni,

seduti al caldo attorno al focolare.

Era realtà, oppure illusione?

Nino, raccontaci un’altra favola ...



Questa invece, Agide, è una poesia dedicata a te. Non me ne volere se ti ho messo in Paradiso...



Agide


L’è incóra coma quènd ch’l’éra znì,

carsù un pô’ ad statura

mo senza pu tröp ešagerê

parchè crèsar la j è dura,

sóra töt se u n dipènd da tẹ,

mo e’ fa töt Madre Natura ...

Intindeva la tësta e e’ côr d’un babì

cun la voja mata ad scapê vì

ad sugnê un mònd ch’u ngn’è mai stê,

sèmpar in žir par tenti strê.


U s cardéva un pô cumunesta

mo l’è sól un grand idealesta

ch’e’ sóna e’ sax, la chitara e e’ mandulen

che u s’è invintê nẽca una fësta

par stê cun i amig a bé de’ fragulen

cantê e diréžar la su orchëstra.


Temp fa, intènt ch’e’ sugnéva

ad scrìvar un lìvar cun un pô ad stôria

par cvì che d Fìl gnit i savéva,

u n pinséva sicùr d’arivê a la glôria.

Ch’un l’avẹs mai fat, stim a sintì,

l’è vnù fura un’inciclopedì...

L’è còma i fiùl quènd chi vô un quèl

e tẹ t’a i dì ad nö tuchêl,

I i žira d’atóran par un’óra

e pu i s’i bọta adös incóra...

L’à fàt acsè nẽca cun e’ su Amór

Ch’l’à purtê sèmpar int e’ côr,

ad farmês un pô l’à zarchê,

mo u n s’è mai rasignê

e nẽca s’l’éra pasê i èn dl’ardór

a la fẹn, a ca l’à purtê e’ su fiór.

‘S a diràl ad lọ Nòstar Signór?

Inféran, Paradìš o Purgatôri?

«Par un pô a l mitrò int un cantòñ

e che u n fega tènti stôri,

cun töt cvèl ch’l’à cumbinê,

l’à da stê tranquẹl e bòñ

parchè a n l’ò incóra bèñ incvadrê,

mo l’è ad Fìl, e a l’ò int e’ côr...»

E gvardèndal, ridènd u i dirà

U m’è ‘rivé una prighira:

“Se a truvët u n’è quéši mai avnù

la n’è tọta cólpa su,

quènd che l’arivarà la su sira

fa fenta ad gnit e guêrda in là,

nö druvê la tu Stadira...”

Ecco u s’arvirà tọt i canzẹl

babo e mama so int la pôrta,

tọt intóran milióñ ad stèl

E e’ nisarà un’êtra vôlta.


***


A spìr ch’e’ seia cuntent

l’è in Paradiš ža prẹma de’ témp

se pröpi u n’i vrà andê

basta sól ch’u l fega savé...


Agide


E’ ancora come quand’era piccolo,

cresciuto un po’ di statura

ma senza esagerare troppo

perché crescere è difficile,

soprattutto se non dipende da te,

ma fa tutto, invece, Madre Natura ...

Intendevo la testa e il cuore di un bambino

con la voglia matta di fuggire via

di sognare un mondo che non c’è mai stato,

sempre in giro lungo tante strade.


Si credeva un po’ comunista

ma è soltanto un grande idealista

che suona il sax, la chitarra e il mandolino

che s’è inventato persino una festa

par stare coi vecchi amici a bere il fragolino

cantare e dirigere la sua orchestra.


Tempo fa, mentre sognava

di scrivere un libro con un po’ di storia

par quelli che di Fil non sapevano nulla,

non pensava certo di raggiungere la gloria.

Non l’avesse mai fatto, statemi a sentire,

ne è uscita fuori un’un’enciclopedia ...

E’ coma i figli quando vogliono una cosa

e dici loro di non toccarla,

Le girano attorno per un’ora

e poi le si buttano ancora addosso...

Ha fatto così anche col suo Amore

Che ha portato sempre nel cuore,

ha cercato di fermarsi per un po’,

ma non si è mai rassegnato

e anche se erano già passati gli anni dell’ardore

alla fine, ha portato a casa il suo fiore.

Cosa dirà di lui Nostro Signore?

Inferno, Paradiso o Purgatorio?

«Per un po’ lo metterò in un angolino

e che non faccia tante storie,

con tutto ciò che ha combinato,

deve starsene tranquillo e buono

perché non l’ho ancora inquadrato per bene,

ma è di Filo, e ce l’ho nel cuore ...»

E guardandolo, sorridendo gli dirà

M’è giunta una preghiera:

“Se a trovarti non è quasi mai venuto

Non è tutta colpa sua,

quando arriverà la sua sera

fa finta di nulla e guarda altrove,

non usare la tua Stadera...”

Ecco allora che s’apriranno tutti i cancelli

babbo e mamma sulla porta,

tutto intorno milioni di stelle

E così rinascerà un’altra vôlta.


***


Spero che sia contento

È già in Paradiso prima del tempo

se proprio non ci vorrà andare

basta soltanto che lo faccia sapere ...

Nessun commento: